muoverSi@domicilio

 muoverSi.

Una diagnosi di cancro e la successiva terapia sono eventi che incidono profondamente sulla vita di una persona. Sono ferite per il corpo e per la psiche.

Negli ultimi anni l’aspettativa di vita di molti malati di cancro si è notevolmente allungata grazie alla diagnosi precoce e al miglioramento delle terapie: una buona ragione, per guardare avanti.

Ci sono vari modi per alleviare gli effetti collaterali negativi del cancro e delle terapie, per ripristinare le proprie capacità fisiche, riacquistare fiducia in se stessi e riscoprire la gioia di vivere; una di queste è svolgere attività fisica con regolarità. Lo sport in bambini, adolescenti e adulti ammalati di tumore è un “toccasana” .

 

Obiettivo principale

contro il Tumore durante e dopo le terapie oncologiche. I limiti imposti dalla malattia (talvolta permanenti) spesso rappresentano un freno alla ripresa di tutte le attività che si svolgevano prima della comparsa del tumore.

L’attività fisica aumenta:

-l’ossigenazione dei tessuti e i livelli di composti protettivi, come gli antiossidanti, favorendo il controllo di sostanze che si sono dimostrate cancerogene, come alcuni ormoni o fattori infiammatori, riducendo inoltre la quantità di grasso corporeo e rendendo più veloce il transito degli alimenti nell’intestino.

-l’attenzione alla relazione tra desideri e capacità individuali, richiedendo la stretta collaborazione con i medici di reparto per la valutazione di controindicazioni assolute o relative all’

attività motoria.

-l’autostima verso un corpo meglio funzionante e nuove opportunità di relazionarsi in modo meno frustrante con i propri pari.

– fiducia nel proprio corpo .Grazie ai progressi della medicina, oggi vari tipi di cancro sono curabili o possono essere tenuti sotto controllo più a lungo. Anche negli stadi avanzati della malattia vi sono terapie che consentono a chi è malato di avere una qualità della vita soddisfacente, pur con alcuni limiti. Se è pressoché impossibile evitare alcuni effetti collaterali della malattia e della terapia oncologica, è però possibile alleviarli parzialmente, riducendoli progressivamente o perlomeno rendendoli più sopportabili.

Programmazione dell’attività in palestra :
adulti -è prevista una sessione alla mattina e o una nel pomeriggio in palestra
bambini e ragazzi -2 pomeriggi alla settimana in palestra
l’attività in palestra si svolgerà sia a corpo libero sia attraverso l’ausilio delle macchine pilates e gyrotonic (fasi dell’attività: riscaldamento/allenamento cardiovascolare; rinforzo/resistenza muscolare; recupero
del controllo neuromuscolare e della propriocezione; defaticamento/rilassamento; stretching). Il programma di allenamento viene adattato ai partecipanti e alle loro capacità fisiche. È concepito in modo da dosare in giusta misura esercizi di resistenza, potenziamento, coordinazione e mobilità. 

muoverSi a domicilio

L’intento è quello di agevolare il paziente che non se la sente o non può recarsi in palestra.

Il professionista andà presso il domicilio pianificando e concordando anticipatamente una lezione personalizzata o un trattamento shiatsu /massaggio olistico.

Attraverso il contatto che si trae il primissimo beneficio di ogni massaggio, che coinvolge corpo, mente ed emozioni stimolando il tessuto connettivale,il sistema muscolare e scheletrico.

 

Rispondi